Selene con la E

28 settembre 2010
Selene Lungarella
TOP RECORDS
Number of discs: 1

Ha rinunciato volutamente all’esperienza di lancio dei talent show, ma al suo debutto sul mercato discografico l’accompagnano due padrini d’eccezione: il cantautore Alberto Fortis, che ha scritto per lei il brano trainante dell’album d’esordio, e il produttore Riccardo Benini, lo stesso che per primo credette nel fenomeno musicale Andrea Bocelli. E’ Selene Lungarella, la giovane cantante nata in Svizzera ma cresciuta in Toscana, su cui già in molti si sono espressi (lo stesso Fortis), apprezzandone l’andamento naturale e non urlato, frizzante e al tempo stesso equilibrato, che esprime una freschezza d’animo oggi rara anche nei giovani emergenti…

Ma Selene Lungarella è unica e il titolo del suo primo album “Selene con la E” pare voler ribadire la sua personalità anche con il sottile intento di volersi distinguere dalla Selèn a luci rosse che viene inevitabilmente associata al suo nome.

“Selene con la E” contiene cinque inediti tra cui “Dall’Alto”, il singolo scritto da Alberto Fortis, che duetta con Selene nel brano, in rotazione radiofonica in tutta Italia. Scritto appositamente per lei da Alberto Fortis, “Dall’Alto”, il singolo trainante dell’album, rappresenta un riconoscimento importante da parte di un cantautore che nella sua prestigiosa carriera ha firmato canzoni soltanto per altre due interpreti italiane: Rossana Casale e Teresa De Sio.

“Dall’Alto”, nel quale Fortis duetta con Selene, è un brano altamente radiofonico che colpisce già al primo ascolto, e del quale è già stata realizzata una versione in inglese intitolata “Have You Ever”, pronta per varcare i confini italiani. Il testo di Fortis è un incoraggiamento a guardare la propria vita dall’alto, senza temere di volare verso grandi obiettivi e mete sconosciute. L’album contiene altri tre inediti: “Come La Rugiada” (G. Gandini), un omaggio alla voce dell’interprete, “L’Ultimo Degli Uomini” (R. Benini – S. Lungarella – P. Brescia ), una accattivante ballad che invita a sognare, e “Accoglimi” (P. Brescia), intima riflessione su un abbandono subìto.

Share:
© 2017 Selene Lungarella. All Rights Reserved. Powered by Sam Technology Lab